Disturbi

Calcoli renali: cause, sintomi e prevenzione

I calcoli renali sono delle aggregazioni di sali minerali che si formano all’interno delle vie urinarie, passano per il rene, le vie urinarie inferiori, la vescica e alla fine all’uretra. Fino alla loro espulsione durante la minzione.

Tra le cause dei calcoli renali troviamo la poca assunzione dei liquidi, una dieta scorretta ma, soprattutto, a una predisposizione genetica. Non sempre i calcoli renali sono associati a sintomi, quando sono di piccoli dimensioni infatti possono passare inosservati. Quando invece le dimensioni sono superiori il dolore che si manifesta è acuto e violento e localizzato nella ragione lombare.

Il calcolo renale è composto da diversi sali minerali già presenti all’interno delle urine, che aumentano di concentrazione, precipitano e si uniscono formando delle piccole pietre. Questi sali minerali sono calcio, fosfati, ossalato e acido urico.

Come si formano i calcoli renali

I calcoli renali si formano quando nelle urine sono presenti concentrazioni elevate di sostanze poco solubili, come il calcio per esempio o l’acido urico. Allo stesso tempo il flusso urinario appare più lento e di conseguenza le sostanze poco solubili restano a lungo nelle vie uriarie, hanno così il tempo di precipare per poi aggregarsi. Il rischio è la formazione dei cristalli che danno poi vita a dei sassolini.

Le dimensioni dei calcoli renali sono variabili. Possono essere piccoli come granelli di sabbia o arrivare a essere grandi come delle palline da golf. Possono esserci anche più calcoli all’interno di un rene.

Quali sono le cause dei calcoli renali

Le cause e i fattori di rischio dei calcoli renali possono essere diversi.

Sesso: gli uomini sono più a rischio di soffrire di calcoli renali rispetto alle donne. Questo perché le donne hanno una concentrazione superiore di citrato all’interno delle urine.

Bere poca acqua: le persone che bevono poca acqua, hanno un limitato afflusso di urine. Di conseguenza i sali presenti all’interno tendono a precipitare e provocano la formazione dei calcoli.

Urina particolarmente acida: si intende in questo caso un pH urinario inferiore a 5.

Stato di disidratazione: la disidratazione può dipendere appunto dal bere poca acqua, ma anche da una iper-sudorazione oppure una condizione di diarrea particolarmente aggressiva.

Età: i primi casi di calcoli renali si presentano in genere tra i 20 e i 40 anni. Sono gli anni in cui è più facile soffrirne.

Famigliarità: coloro che hanno in famiglia persone che soffrono di calcoli renali, sono più a rischio di soffrirne a loro volta. Questo accade per via di un difetto congenito del rene che porta la cistina, un amminoacido poco solubile, a precipitare e provocare quindi la formazione dei cristalli.

Assunzione di sostanze: possono provocare i calcoli renali l’abuso di sostanze come integratori vitamici e salini, oppure alcuni tipi di minerali.

Clima: in estate è più facile soffrire di calcoli renali per via della maggior evaporazione dei liquidi, i quali perciò devono essere reintegrati bevendo molta acqua.

Sintomi del calcoli renali

Più che di sintomi dei calcoli renali è corretto parlare di sintomi della colica renale. Come abbiamo visto i calcoli non sempre provocano dolore, il problema è quando sono di grandi dimensioni e causano le coliche.

Il dolore è di tipo acuto, può iniziare in modo improvviso, colpisce il lato dove sta il rene con il calcolo e si irradia verso l’inguine e verso la schiena, arrivando fin sotto le costole.

Nelle urine possono esserci delle tracce di sangue, provocate dalla pietra che scende. Di solito è accompagnato da una sudorazione improvvisa e forte, da pallore, tachicardia nausea e vomito. In alcuni casi possono esserci brividi e febbre, questo quando è in corso un’infezione.

Come prevenire i calcoli renali

Prevenire i calcoli renali è possibile adottando le giuste abitudini. Vediamo quali sono:

  • Bere molta acqua: cercate di bere molta acqua al giorno, normalmente si consiglia un litro e mezzo o due.
  • Colpo d’acqua: in pratica dovreste ingerire in pochissimo tempo circa 150 cl di acqua, così da favorire l’eliminazione spontanea dei calcoli renali.
  • Evitare le sostanze sbagliate: bere molto caffè, alcolici e anche bevande gassate può solo favorire la formazione dei calcoli renali. Sono quindi bevande che andrebbero evitate il più possibile o comunque assumerle solo in poche occasioni.
  • Frutta e verdura: si a frutta e verdura che prima di tutto aumentano l’idratazione del corpo e offrano un maggior apporto di antiossidanti, preziosi proprio per combattere i calcoli renali. Lo stesso vale per il succo di limone, il quale agisce come solvente e aiuta a sciogliere i calcoli renali o comunque a ridurne la formazione.
  • Alimenti sconsigliati: ci sono diversi alimenti sconsigliati, basicamente tutti quelli con un contenuto elevato di sale come i crostacei, le acciughe e le sardine.
  • Attività fisica: si all’attività fisica, la quale permette di prevenire la comparsa dei calcoli.

Related Articles

Close