Donne

Ritenzione idrica: cause e rimedi per contrastarla

La ritenzione idrica è un problema particolarmente diffuso e lamentato tra le donne, ciò però non significa che gli uomini sono immuni. Semplicemente corrono un rischio minore di soffrirne. Oltre a essere reputato un problema estetico, può portare anche a dei veri e propri fastidi. E’ per questo motivo che oggi siamo qui a parlarvi del problema della ritenzione idrica, per vedere quali sono le soluzioni giuste per contrastarla.

Cos’è la ritenzione idrica?

La ritenzione idrica è la tendenza dell’organismo di trattere i liquidi. Avviene tra le cellule e questo provoca l’edema, cioè un gonfiore più o meno generalizzato e che può portare anche a un deposito maggiore di tessuto adiposo.

Le zone più colpite da ritenzione idrica sono i glutei, le cosce, gli arti inferiori e le caviglie.

I liquidi si depositano perché le normali funzionalità del sistema nervoso e dei vasi linfatici sono alterate. Ciò impedisce il normale e corretto smaltimento. Questo porta anche alla formazione delle tossine che influiscono sul metabolismo cellulare.

Come vedere se si ha la ritenzione idrica

Si può capire con un semplice test manuale. Basta premere per alcuni secondi con il pollice in una zona del corpo soggetta a ritenzione idrica, come per esempio la parte anteriore della coscia. Se togliendo il dito l’impronta resta ancora ben visibile è facile che appunto si soffre di ritenzione idrica.

Altrimenti se si vuole avere la certezza a livello medico è possibile richiedere un esame delle urine al proprio medico per vedere qual è la concentrazione di sali minerali e quanto sodio è presente.

Sintomi della ritenzione idrica

La ritenzione idrica si manifesta con diversi sintomi. Il primo segnale d’allarme è la presenza delle fossette che si formano per via del ristagno linfatico.

La pelle tende a cambiare leggermente e spesso si possono vedere delle zone un po’ più lucide.

Quando non viene trattata, è possibile che le gambe risultano particolarmente gonfie, al punto da rendere difficile il movimento. Questo accade soprattutto se la ritenzione idrica colpisce le caviglie. Quando invece interessa la fascia addominale, può portare ad alcuni disturbi gastrointestinali.

In linea generale le persone che ne soffrono tendono a lamentare un gonfiore, che rende le gambe stanche. Soprattutto dopo una lunga giornata passata a lavorare.

Cause della ritenzione idrica

Procediamo adesso con le principali cause, quelle che possono appunto aumentare il rischio di soffrire di ritenzione idrica.

La principale è una dieta non equilibrata. Quasi sempre infatti nasce da qui il disturbo e si capisce bene come intervenire può essere nelle possibilità di tutti, semplicemente andando a ridurre l’assunzione di alimenti sbagliati, come quelli che contengono molto sale oppure l’abuso di alcool.

La seconda causa può essere un vero e proprio cattivo funzionamento della circolazione sanguigna, in particolar modo quella linfatica.

Può esservi poi un prolungato uso di alcuni farmaci, come quelli cortisonici, che portano all’accumulo di liquidi.

Infine può dipendere da alcune patologie presistenti come i problemi cardiovascolari e renali, le patologie del fegato, il diabete o l’ipertensione arteriosa.

Ritenzione idrica: cure e rimedi naturali

La prima cosa da fare in caso di ritenzione idrica è intervenire sulle proprie abitudini alimentari.

Prima di tutto occorre ridurre l’uso del sale, che è una delle principali cause di formazione della ritenzione idrica. Lo stesso però dovete farlo con tutti i cibi che contengono molti zuccheri o particolarmente grassi.

Devono invece essere preferiti gli alimenti con un alto contenuto di fibre e di acqua, come le verdure e la frutta. Alcuni alimenti nello specifico sono particolarmente utili, cioè quello che favoriscono una naturale diuresi. Tra questi troviamo i carciofi e i finocchi, ma anche alcuni frutti come l’ananas e il melone.

Gli alimenti ricchi di vitamina C sono ugualmente utili perché proteggono i vasi sanguigni e aumentano la formazione del collagene. Sono per esempio i frutti di bosco, i cavoli, gli spinaci, i peperoni e tutti gli agrumi.

L’acqua è un altro alleato formidabile quando si soffre di ritenzione idrica, perciò è bene seguire le normali regole che prevedono l’assunzione di almeno 1 litro e mezzo o due di acqua al giorno.

Tra i rimedi naturali utili invece troviamo:

  • Tè verde: è un prodotto antiossidante che stimola il metabolismo e agisce come sostanza drenante. Il suggerimento è quello di berne circa tre tazze al giorno, però rigorosamente senza zucchero.
  • Betulla: è una sostanza preziosa per il benessere dell’organismo. Le sue foglie infatti contengono discrete quantità di potassio oltre che di flavonoidi, sostanze che aiutano durante l’eliminazione dell’urina e dei liquidi in eccesso. In commercio esistono dei succhi di betulla già pronti all’uso.
  • Tarassaco: il terzo rimedio naturale che vi consiglio è un infusione a base di tarassaco, noto anche come dente di limone. Stimola l’attività renale ed epatica.

Claudia Lemmi

Classe '89, una passato di arte che inizia con un pennello e prosegue con una biro in mano. Oggi sono web writer specializzata nella creazione di contenuti sul benessere, la salute e l'alimentazione.

Articoli correlati

Close